Lavora con Noi Menu

Eventi sostenibili: le buone pratiche “verdi”

Springly - Allestimenti sostenibili
27 febbraio, 2017

La sostenibilità è uno degli elementi chiave, per le imprese, nelle politiche di responsabilità sociale. Gli eventi giocano un ruolo centrale, tanto che da qualche anno esiste una specifica certificazione UNI ISO: la 20121.

A proposito: sai qual è stato il primo evento ufficialmente proclamato “sostenibile”? Le Olimpiadi di Londra: era il 2012. Da allora hanno preso piede alcune buone pratiche, sempre più integrate nell’organizzazione di eventi.

Una ricerca condotta su scala mondiale dal Convention Industry Council elenca le soluzioni “verdi” più adottate.

Ecco la graduatoria:

  1. Raccolta dei rifiuti riciclabili
  2. La presenza di varianti vegetariane nei menù
  3. Menù speciali per allergici ed intolleranti
  4. Illuminazione a basso consumo
  5. Prodotti enogastronomici a Zero
  6. Dispenser d’acqua al posto delle bottiglie
  7. Recupero del cibo non consumato, da destinare ad enti benefici
  8. Riuso della biancheria nelle stanze d’albergo
  9. Raccolta differenziata dei rifiuti organici
  10. Uso di app per ridurre il consumo di carta

Ma quali sono gli indicatori di sostenibilità più richiesti dalle aziende?

  1. La quantità di energia elettrica usata, e quella risparmiata
  2. La percentuale di rifiuti oggetto di riciclo
  3. Il denaro donato
  4. La quantità di materiali risparmiata

Vediamo, infine, da dove partire per rendere gli eventi sostenibili ancora più efficaci.

Anzitutto dalla misurazione dei benefìci, che dovrebbe essere più semplice ed omogenea. Per poi curare maggiormente la comunicazione di questi benefici ai partecipanti agli eventi.